Dolore alle gengive: gengivite e parodontite

Dolore alle gengive: gengivite e parodontite rimedi

 

Dolore gengive – la gengivite

Il dolore alle gengive può essere un sintomo della gengivite o della parodontite. La prima  è un’infiammazione delle gengive dovuta soprattutto a una scarsa igiene orale. Infatti, i residui di cibo che rimangono tra i denti e le gengive e la placca che vi si accumula, permettono ai batteri presenti nella bocca di attaccare le gengive. I sintomi della gengivite sono l’arrossamento, il gonfiore e a volte il sanguinamento delle gengive.

In questa fase la gengivite può essere curata facilmente, perché l’infiammazione riguarda soltanto le gengive. Se trascurata però, i batteri attaccano anche l’osso e tutto l’apparato di sostegno del dente e la gengivite diventa parodontite, una malattia ben più seria, che può causare danni permanenti ai denti fino ad arrivare anche alla caduta dei denti.

 

Dolore gengive – la parodontite

Come abbiamo già accennato, la parodontite è una malattia che colpisce il parodonto, cioè l’apparato di sostegno del dente, provocandone la sua distruzione. La causa della parodontite è la placca batterica e gli accumuli di tartaro; questi si depositano nel solco tra dente e gengiva, creando delle tasche dove si insediano e proliferano i batteri che distruggono i tessuti fino alla caduta del dente.

In questa fase non è più possibile eliminare i batteri con il solo spazzolino, e neanche con l’igiene dentale professionale, ma bisogna effettuare degli specifici interventi a seconda della profondità delle tasche parodontali, delle sacche che si formano tra dente e gengiva. Infatti tra qusti c’è un piccolo spazio detto solco gengivale; la placca batterica che si deposita in questo solco, se non rimossa, può approfondirlo causando le tasche parodontali.

La parodontite nella sua fase iniziale si manifesta con l’infiammazione della gengiva, che appare gonfia e sanguinante e con la comparsa di tasche, dapprima poco profonde. Nelle sue fasi più avanzate, invece, provoca un’ulteriore distruzione del legamento parodontale e dell’osso che sostiene il dente causando l’approfondirsi delle tasche stesse. La gengiva si riassorbe e si scopre la radice, per questo motivo il dente sembra più lungo.

 

Dolore gengive –  rimedi

Per il dolore alle gengive e per la cura delle malattie gengivali e parodontali, esistono diversi rimedi. La gengivite si può curare semplicemente con la rimozione della placca batterica, quindi è sufficiente una pulizia dei denti professionale. La migliore terapia è comunque un’adeguata igiene orale quotidiana; lavarsi i denti regolarmente e in modo corretto, utilizzare anche il filo interdentale e se necessario lo scovolino.

La parodontite, invece, richiede interventi più complessi. Se le tasche non sono molto profonde si ricorre al curettage gengivale. Questo intervento consiste nel raschiamento dell’interno della tasca, tra dente e gengiva, con la conseguente rimozione di placca, tartaro e tessuto infetto.

Se le tasche invece, sono molto profonde si ricorre all’intervento parodontale. Viene fatta una piccola incisione sulla gengiva e si scopre la radice, si rimuove il tessuto infetto, si eliminano placca e tartaro e si richiude. Grazie a questo intervento è possibile eliminare le tasche parodontali e salvare i denti anche se si muovevano e sembravano destinati alla caduta.

Nello Studio Dentistico Dr Schmitz risolviamo problematiche molto complesse legate a problemi gengivali. Se ha veramente bisogno di aiuto ci impegneremo al massimo a risolvere il suo problema, non importa quanto sia grave.